Coniglio

coniglio

Coniglio

Il coniglio non è una carne che piace a tutti, ma spesso è perché non si conoscono ricette gustose.
Di seguito vi consiglieremo qualcosa per rendere piacevole i vostri piatti.

Coniglio in umido

Uno dei classici modi di come cucinare il coniglio è il coniglio in umido. Fondamentale è la rosolatura della carne, insaporita con molti aromi e spezie. Un piccolo segreto per fare un ottimo coniglio in umido è aggiungere un po’ di brodo vegetale alla pietanza, mentre la si cucina. In questo modo il coniglio non sarà mai asciutto, ma, anzi, assorbirà tutto il sugo. Accompagnatelo con un po’ di polenta o con dei crostini di pane. Sarà un piatto unico succulento.

Tonno di coniglio

Se volete, invece, qualcosa di più particolare, proviamo a fare il tonno di coniglio, antipasto tipico del Piemonte. Come tutti i piatti della cultura contadina, questo tonno di coniglio è ottimo per fare delle conserve che possono durare fino a 6 mesi. Inoltre, più si lascia a riposo ad insaporirsi nell’olio e nella salvia queste sfilacciature di coniglio più diventa saporito.
Unico contro è il tempo che è richiesto alla preparazione.

Ragù di coniglio

Altra ricetta particolarmente gettonata è quella che riguarda il ragù di coniglio, un ottimo condimento che si sposa meravigliosamente con la pasta. Se siete dunque amanti della carne con la pasta questo è il piatto che fa per voi. Ci sono vari tipi di ragù con il coniglio. Potete scegliere gli ingredienti che vi piacciono di più e personalizzarlo a vostra scelta. Un consiglio è quello di disossare la carne una volta cotta. In questo modo sarà più facile manovrare la carne.

Coniglio in salmì

Particolare è anche il coniglio in salmì con polenta. Può considerarsi come un piatto unico, dal sapore fortemente intenso. Anche questo piatto prevede una lunga preparazione, in quanto è lungamente marinato. Il risultato sarà un piatto fortemente inusuale, ma ottimo.

Coniglio alla ligure

Altra specialità, made nel nord Italia, è il coniglio alla Ligure. Non a caso questo piatto è molto diffuso in Liguria in quanto Savona e Imperia sono due provincie famose per gli allevamenti di conigli. E’ il secondo piatto tipico della regione ed è quello su cui ci concentreremo di più. Il sapore del piatto è un po’ amarognolo, dovuto alle olive nere, alle noci e ai pinoli che caratterizzano la pietanza.

Sono necessari:
1 kg o 1 kg e mezzo di coniglio,
100 gr di olive nere,
1 cipolla,
pinoli,
noci,
rosmarino,
vino,
aglio,
sale,
olio,
alloro.

Come prima cosa è necessario tagliare i prezzi di coniglio. Mettete da parte la testa, il fegato e i reni. Prendete un ampio tegame e mettete al suo interno un po’ di olio. Accedente il gas e una volta surriscaldato immettete nella pentola l’aglio e la cipolla triturati. Aggiungete al tutto il coniglio, insieme all’alloro e al timo, e fatelo rosolare. Dovrà avere un bel colore dorato. Dopo qualche minuto aggiungete un bicchiere di vino rosso e lasciatelo evaporare mantenendo alto il fuoco. Aggiungete le olive nere, i pinoli e le noci. Coprite il tutto e lasciate cuocere per circa un’ora con coperchio.

Ricordate inoltre che del coniglio, come per il maiale, non si butta via nulla.
Se avete acquistato un coniglio intero potete preparare con la testa un ottimo brodo di carne. Si può utilizzare questo brodo anche per irrorare il coniglio precedentemente preparato.

Scegliete ora il piatto che vi piace di più e mettetevi all’opera.  Buon appetito!